Ex - CAMBIARE LA SOCIETA', CAMBIANDO SE STESSI

03 giugno 2006

Luce appena nata

“E’ come se” la toccassi con la mia aria e mi buttasse giù gli zigomi e mi sentissi gli occhi più grandi e vedessi l’orizzonte e il vicino con più facilità.
Il capo preme come una semisfera di ferro, e cala di grigio, pesantezza e serrande abbassate sulle pupille. Poi la mente stacca, si scollega e lascia fluire i sensi, capaci di tornare aria, formano luci di sorrisi come stelle.
“E’ come se” guardassi tutti gli occhi del mondo. Mahatma, la Grande Anima è più vicina.
Estate di corpi sinuosi che non si apprezzano in sostanza, ma danzano sulla spiaggia, senza altro motivo che la musica del risacco.
E parli con lo scoglio, tu (ora rievoco ricordi recenti), brezze umorali e viscerali, io innamorato.
Ma anche la sera è dolce affetto, con le mani appoggiate sul volante, nel ritorno al presente. Piccola testa stanca e capelli sfatti sulla gravità, stanno fermi e placidi: è tutto un quadro di dolcezze, ancora. E l’inquinamento fa da sfondo.
Apro i miei pori, volutamente, lascio che penetri luce e lasci intravedere il bulbo. Poi la pianta sottile, tenera, distruttibile. E finalmente il fiore.
Sbocciare “è come se” la placenta ti lasciasse di nuovo al tuo destino, al freddo del vento sul liquido amniotico. E la faccia secca di nuovo.
Nudo, non puoi portarti niente con te. Esci dalla vasca gelida e sicura della tua vecchia pelle, lasciando galleggiare pezzi di stelle che brillano ancora ma non più per te, per il tuo viaggiare con nuove fatiche.
“E’ come se” la tua potenza di uomo trascenda la tua esistenza adulta fino a recuperare un bambino lasciato solo per troppo tempo.
E io sorrido, come un bambino, spalancando gli occhi più che posso.

24 Comments:

Anonymous Federica said...

Dici che non ho cura delle mie perle? Sicuramente...
Ora non ne posso fare una collana, si sono spezzate e chissà quanto tempo ci vorrà prima che guariscano, prima che la fiducia attecchisca come colla.
Ti abbraccio forte
Federica

12:45 PM

 
Blogger Fabio Artigiani said...

@fede: un abbraccio forte anche a te. Commentami i miei post, ogni tanto, ne sarei molto contento. ;)

12:54 PM

 
Anonymous Federica said...

Parole così intense, viscerali, riesci ad evocare immagini, sensazioni e in questo caso calore, quel calore che non si sento solo sulla pelle ma più in profondità...
un bacino
Federica

1:20 PM

 
Blogger PiB said...

spalancando gli occhi più che posso solo così riesci a vedere tutto nella giusta dimensione...splendida ed intensa quel la placenta ti lasciasse di nuovo al tuo destino oggi mi farà compagnia perchè conoscendomi tornerà come cantilena nella mia MENTE.Grazie

6:22 PM

 
Anonymous B4Tt1TO said...

E' come se ci si alza una sera dalle mani,bevendola a piccoli sorsi.
Sai,quel nulla che da piccoli ridevamo,che però era tutto,solo che ce ne siamo scordati.
Gli occhi vanno spalancati sempre,aperti per riprendere il cielo,la terra,che fuggono via.

9:05 PM

 
Anonymous Beppone said...

Commovente e pieno di intensità.. gran bel post..grazie Fabio

7:59 AM

 
Anonymous sagami said...

E'come se...leggendo alcune righe senti un brivido lungo la schiena; ma non è freddo: scalda.
s.

8:14 PM

 
Anonymous Anonimo said...

Bello...vedere , sentire, lasciarsi attraversare da tutto ciò e farne poi il nostro tesoro

9:17 AM

 
Anonymous Barbara said...

Molto sentito... si capisce chiaramente...
ciao

2:30 PM

 
Blogger Fabio Artigiani said...

@fede: sono contento di averti fatto arrivare un po' calore proprio laggiù... un bacino ricambiato.

@pib: grazie a te, PIB, per la tua delicata e calda vicinanza.

@matteo: allora sdraiamoci insieme sul prato, bambini, a ridere delle nuvole. :)

@beppone: proprio contento che ti sia piaciuto. A ribeccarci presto.

@sagami: le tue parole sono calore anche per me. Grazie.

@anonimo: condividere!! Bellissimo!

@barbara: bene, sono contento che sia chiaro. Non ne ero così sicuro... Ciao!!

8:04 PM

 
Blogger rainbowsparks said...

Che bello,che bello.
Vivere sempre con il coraggio e l'incoscienza di chi si lascia investire dalla Vita.

2:43 AM

 
Blogger Francesco said...

Ache io cercherò disorridere, come un bambino, spalancando gli occhi più che potrò! Prometto... ;)
Grazie

10:43 AM

 
Blogger Francesco said...

ops, ho scordato una N...
bene! ti assicuro che è un buon segno...

10:45 AM

 
Blogger Undine said...

Complimenti, Fabio.
Intenso, vero, pulito.

Grazie per aver condiviso con noi ciò che senti.

11:19 AM

 
Anonymous ombra said...

aaah. questo non l'avevo letto. dove l'avevi nascosto? è così uterino e liquido. e poi, gli occhi, più sono aperti e più ciò che vi entra è semplice e dolce.

1:31 PM

 
Anonymous m. said...

hai scritto un pezzo pieno di umori e ombre. bello.

3:25 PM

 
Blogger Fabio Artigiani said...

@rainbow: il coraggio ce l'ho un po' sempre avuto (è di famiglia...), ma lo stò migliorando (almeno ci provo). L'incoscienza (ahimé) mi sta invece un po' abbandonando, per far spazio ad una migliore consapevolezza (vabbè in realtà sono contento di questo).

@cilions: benone! allora ogni tanto facciamo il "gufo" insieme?

@undi:grazie per i complimenti e grazie a te per l'ascolto "attivo".

@ombra: noto che ti piace usare spesso termini come "utero", "uterino", "maternità", "partorire": in questo caso, poi, lo trovo molto azzeccato.
Dove l'avevo nascosto? Da nessuna parte: è nato insieme a me... ;)

@m.: benvenuto! Sono contento ti sia piaciuto e ti abbia trasmesso qualcosa. A presto!

5:22 PM

 
Anonymous Misiolina said...

Voglio leggerti con attenzione quindi torno domani.
Ora mi manca il tempo e lo farei male.

Per ora..buona notte.

11:16 PM

 
Anonymous Julia said...

E' davvero penetrante il suono che esce "leggendo" queste parole.
La vecchia pelle viene sostituita dalla nuova, sempre...ed ogni gg si è diversi da se stessi ma, allo stesso tempo, con la memoria dell'impronta che la vecchia pelle ha lasciato sulla nuova. Ricordi, odori e sapori, sensazioni e percezioni.
Se riuscissi...ad occhi chiusi annuserei "la luce" che esce dalle tue parole, per conservarla nella mia testa.
Un bacio a te:*

2:46 PM

 
Anonymous gidibao said...

Grazie Fabio, ieri sera è passato dal Cafe mariom...

9:48 AM

 
Blogger Fabio Artigiani said...

@misio: ti aspetto.

@julia: molto bello quello che hai scritto. Grazie di cuore. E buona luce.

@gidi: bene. Spero che i contatti si moltiplichino. Magari, chissà, potrà venir fuori anche una collaborazione "dal vivo"!

12:39 PM

 
Blogger derbeer said...

Molto profondo.
Sorridi anche per me, se puoi.

3:40 PM

 
Blogger Fabio Artigiani said...

@derbeer: certo che lo farò, con tutta la forza che posso. Aspettando un sorriso tuo su queste pagine: sono sicuro che arriverà, quando sarà tempo.
Un abbraccio.

7:29 PM

 
Anonymous Anonimo said...

best regards, nice info Owner home free insurance quote Cancer stomach survivor naked babes cars lamictal Metropolis sex anime Lancome tresor perfume Lcd tv compared tube tvs Baccarat gewinnchancen strategie Southfield plastic surgeon Strawberry freezer jam recipies All my sons moving company Cherry hill lexus Best heated mattress pad dual control Norway wheel chair minivan 2brunning 2bboards http://www.14inchbandsawtires.info Free bbw sights Chrysler corporation headquarters Ferrari 360 modena challenge buy cialis online

9:16 AM

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home